Archive for gennaio, 2010

“La versione di Barney” di Mordecai Richler

More about La versione di Barney

di Capsicum

Ci sono ad ora 404 commenti su questo libro in aNobii quindi perché aggiungerne ancora uno? alcuni sono molto completi e interessanti. Solo una cosa da aggiungere: è costruito, questo libro, come se fosse stato scritto di getto e, secondo me, va proprio letto di getto, almeno la prima volta. Si avvolge su molti livelli, uno strato sopra l’altro e dentro l’altro e che si intersecano, con al centro un delitto irrisolto e una soluzione che si scopre solo nell’ultimo finale, ma, alla rilettura, l’indizio c’era, e nelle prime cento pagine, diciamo.
Affascinante.

Annunci

31 gennaio 2010 at 23:06 1 commento

“Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” di Mark Haddon

More about Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

di Capsicum

Il professor Giordani, alcuni decenni fa, ci raccontava che l’esperienza psichica normale e quella patologica sono in continuità, non in semplice contiguità. Pertanto nulla di ciò che un sofferente psichico può provare è basilarmente estranea a ciò che ogni medico psichiatra o psicoterapeuta prova o ha provato o potrebbe provare. Mi sento di integrare le sue affermazioni, innumerevoli volte verificate esatte, con l’affermazione che ognuno di noi diventa medico perché ha bisogno di aiuto, che rappresenta la mia personale convinzione, anno dopo anno condivisa e confermata vera da innumerevoli colleghi. Questo incrementa le possibilità che il paziente e il terapeuta comunichino efficacemente.
La mia copia dello strano caso del cane ucciso a mezzanotte è fitta di sottolineature e di appunti. Se posso fare un appunto a Mark Haddon è questo: solo nell’ultima parte del libro lascia affiorare la sofferenza. E comunque è stato bravissimo. E’ riuscito ad elencare se non tutto quasi tutto quello che c’era da elencare.

Unica noticina che posso fare: nella mia personale esperienza posso dire che ogni singola modalità di azione di un bambino come il protagonista ha una radice almeno duplice, e oltre quella che evidenzia Haddon, c’è sempre, costantemente, una motivazione protettiva, difensiva nei confronti di una specie di rumore di fondo emotivo. Si tratta di una specie di rombo emozionale, che rischia in ogni momento di traboccare ed oscurare ogni altra percezione, nel black out assoluto che viene così bene non descritto dall’autore.
Il contatto fisico scatena un picco emozionale talmente intenso da risultare agonico; la scappatoia, oltre all’evitamento immediato, è quella di sterilizzare l’emozione.
Nel fare questo ci si pone al di fuori della possibilità di interpretare i comportamenti emotivi altrui, pertanto nella quasi impossibilità di interazione sociale.
Ribadisco che si tratta di una osservazione basata sulla mia personalissima esperienza, e niente altro, ma tuttavia…. mi chiedo come ha fatto. Io sono una di quelle persone che non possono scrivere se non le cose che hanno visto e sentito. E Haddon?

31 gennaio 2010 at 23:03 1 commento

“L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello” di Oliver Sacks

More about L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello

di Capsicum

Voglio una TAC col contrasto!!!

Ecco cosa pensa tormentosamente la dottoressa Capsicum mentre legge Sacks. perché mi prende la smaniosa curiosità di una precisa diagnosi per ciascuno di questi casi, insomma un supplizio. La fama di questo libro è ampiamente giustificata, ma l’impressione che farà ad un profano è certamente molto maggiore di quella che ne traggo io, da medico. In ogni caso imperdibile.

31 gennaio 2010 at 22:59 1 commento

“Dialogo” di Tullio Regge, Primo Levi

More about Dialogo

di Capsicum

Da rileggere. Memorabile.

31 gennaio 2010 at 22:55

“Il vagabondo” di Adriaan Van Dis

More about Il vagabondo

di Capsicum

Non eccezionale. Gli africani a Parigi, dolore, diversità, rabbia, senso di colpa, e via discorrendo. Pennac queste cose le dice meglio.

31 gennaio 2010 at 22:54 1 commento

“Il compito di un gatto di strada” di Margherita Oggero

More about Il compito di un gatto di strada

di Capsicum (Proponitrice del blog)

“Non sempre nelle vicende di umani e affini abita la razionalità, e al suo posto si insinua l’attivismo assurdo e imprevedibile, la frenesia del fare, un fanciullesco e rovinoso calpestare, lanciare, sbattere, strappare, spaccare”.

Nella migliore tradizione dei bei libri per bambini e ragazzi, questo è un libro deliziosamente godibile per chiunque, un libro colto, sognante e letterato, un libro sui libri, di creature letterarie, d’amore, d’amicizia e di sogno.

31 gennaio 2010 at 22:48 2 commenti

Libri proposti durante l’8° incontro

Di seguito riporto l’elenco dei libri proposti durante l’ottavo incontro (i primi tre sono i “vincitori”):

Recensioni stroncanti:

  • Emmaus di Alessandro Baricco

La discussione sull’incontro prosegue qui.

29 gennaio 2010 at 15:14


Twitter

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 16 follower

Blog Stats

  • 8,337 visitatori